Abstract

cropped-vocabolario-crusca.jpg

**The lecture will be held in Italian. A power point presentation in English will be provided**

**Reception will be held in room 5409**

New Findings on the Vocabolario degli Accademici della Crusca (1612-2012)

Centennials are not only occasions for celebrations, they also invite to reflect on new research findings and novel perspectives, allowing us to move a step forward in our knowledge of individuals and historical events of particular relevance. Such was the case for the fourth centennial of the Vocabolario della Crusca, with two conferences in 2012 that were devoted to this monument of Italian and European linguistic history (respectively a conference on L’italiano dei Vocabolari in Florence in early November, and another one on Il Vocabolario degli Accademici della Crusca e la storia della Lessicografia Italiana held in Padova/Venezia in late November/early December). Both events showed a new commitment to research on previously neglected aspects of the dictionary’s five editions (e.g., its technical and scientific vocabulary), as well as new directions for research in Italian and European lexicography. To what extent has the Vocabolario della Crusca spearheaded the making of the Italian language through the centuries, and to what extent did it contribute to ‘create’ the Italian language? New scholarship is confirming the central role of the dictionary within the framework of Italian lexicography, through a sort of ‘dictatorship’ that was met with strong opposition. The academicians frequently took into account the negative observations. The  systematic comparison between the annotations and the critical remarks through time (from Beni to Tassoni and Monti) shows promising results for the history of the Vocabolario through its five editions.

Novità sul Vocabolario della Crusca (1612-2012)

Alcune volte capita che i centenari siano occasioni non solo puramente celebrative, ma offrano nuovi risultati e aprano prospettive inedite, siano cioè utili a far fare qualche passo in avanti nella conoscenza di personaggi o vicende storiche di particolare rilevanza. E’ successo nel corso del 2012 per il Vocabolario della Crusca. Ancora non abbiamo gli atti dei due convegni più importanti che sono stati dedicati a questo tesoro/monumento della storia linguistica italiana ed europea (a Firenze in novembre, L’italiano dei Vocabolari, “Piazza delle Lingue 2012” e a Padova/Venezia tra novembre e dicembre, Il Vocabolario degli Accademici della Crusca e la Storia della Lessicografia Italiana, a cura dell’ASLI). Ma chi li ha potuti seguire è stato testimone di un rinnovato impegno di ricerca, in particolare, su aspetti finora trascurati delle cinque edizioni del Vocabolario (ad esempio sul lessico tecnico/scientifico) e di un’apertura di strade nuove per la lessicografia italiana ed europea. Fino a che punto il Vocabolario ha rispecchiato il farsi dell’italiano nel corso dei secoli e/o fino a che punto ha contribuito a “fare” la lingua? Attraverso indagini puntuali è stata, in ogni caso, confermata la centralità del Vocabolario nel quadro della lessicografia italiana. Una sorta di “dittatura” alla quale, come è noto, in molti si opposero. Delle osservazioni negative gli accademici spesso tennero conto, per cui appare assai promettente il confronto sistematico tra le postille e le notazioni critiche prodotte nel corso tempo (da Beni a Tassoni fino a Monti)  e l’evoluzione del Vocabolario nelle sue cinque edizioni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s